Bottiglia
Mille ettari di terreno, vigneti, oliveti, boschi ed un parco naturalistico dalla strada di Setteponti fino al Pratomagno, nel Comune di Piandiscò, a formare un meraviglioso anfiteatro naturale con al centro l´antica fattoria di Casamora, un complesso architettonico del tardo ´600".

Il proprietario, l´architetto Maurizio Montani della Fargna ha intrapreso, con passione e competenza straordinarie, un viaggio nel mondo delle coltivazioni di qualità e nel comparto agrituristico, facendo un notevole lavoro di riqualificazione nella antica dimora di famiglia". In questo ambiente unico come è questo lembo di Toscana che ha ispirato i paesaggi delle tele leonardesche, l´architetto ha realizzato una "filiera dell´olio" che si apre e si conclude all´interno della fattoria di Casamora, innestando con sensibilità particolare sulla tradizione del luogo e della fattoria la cultura della innovazione e della sperimentazione per conferire " Qualità e Tracciabilità" al prodotto finale.

La presenza a Casamora dei due figli dell´architetto, Olimpia e Guido Carlo, assicurerà continuità a questo progetto così impegnativo per ricerca e sperimentazione tramandando in questo luogo antico l´amore per la terra mediante il rito dell´agricoltura.

Il progetto dei nuovi uliveti sperimentali
A partire dall´anno 1998 è iniziato lo studio di selezione di nuove cultivar toscane per arricchire la gamma delle tre già esistenti a Casamora: frantoio, moraiolo e leccino.

Così sono state innestate ed allevate in vivaio altre tre cultivar: correggiolo, maurino e pendolino. I nuovi impianti che interessano circa 7000 ulivi sono stati piantati nel 2001 secondo l´antico schema del Quincoce Classico, ad interasse di 5 metri, con una percentuale del 10% di Pendolini. Il 2007 è il primo anno di raccolta monovarietale delle olive correggiolo, maurino e pendolino.

La filiera produttiva completa
Le 13.000 piante antiche di olivo della varietà: frantoio, moraiolo, leccino, disposte sui pendii collinari a balze per una estensione di 86 ettari tra i 360 ed i 500 metri di altitudine, e le 7000 dei nuovi uliveti sperimentali delle varietà correggiolo, maurino e pendolino, impiantate nelle zone più acclivi, sono coltivate naturalmente senza impiego di sostanze inquinanti e di trattamenti antiparassitari, grazie allo straordinario microclima della fattoria dovuto a una altitudine e a una esposizione a mezzogiorno, ideali per la coltura dell´olivo.
Da alcuni anni è in corso un impegnativo lavoro di potatura degli olivi per ottimizzare la qualità del frutto, la forma di allevamento, i sesti di impianto. Nel mese di novembre si effettua la raccolta manuale differenziata delle olive per cogliere il periodo ottimale di maturazione del frutto, differente da cultivar a cultivar.
Appena raccolte, le olive sono pesate e lavorate per cultivar nel frantoio privato della fattoria. La frangitura monocultivar di un frutto fresco appena raccolto a mano e la notevole versatilità operativa che può offrire la tecnologia attualmente più avanzata del nuovo impianto continuo in atmosfera modificata del frantoio della fattoria, conferisce agli oli di Casamora il più alto livello di qualità, di stabilità nel tempo e di "tipicità" anche in presenza di condizioni stagionali differenti.

La realizzazione nell´anno 2000 l´introduzione nel frantoio di un impianto denocciolatore ha consentito inoltre di poter effettuare uno studio nuovo, rigorosamente sperimentale, delle proprietà dell´olio extravergine da olive snocciolate.

Appena estratti, gli oli sono filtrati senza attendere la decantazione naturale e quindi conservati sottovuoto in silos di acciaio inox, nell´orciaia della fattoria alla temperatura costante di 16°. Il Laboratorio Chimico Merceologico della Camera di Commercio di Firenze analizza e certifica le caratteristiche chimiche ed organolettiche degli oli di Casamora, dalle quali sarà possibile verificare scientificamente anche la loro stabilità nel tempo.Soltanto al momento della loro commercializzazione le dieci varietà di oli della fattoria sono imbottigliate e confezionate in azienda per la loro distribuzione.

Dopo il periodo di decantazione naturale degli oli in orciaia, il proprietario insieme ai suoi collaboratori effettua l´analisi sensoriale degli oli monovarietali, allo scopo di valutatre e descrivere ogni anno in modo esauriente gli oli estratti: gli oli monovarietali sono infatti gli unici, con le loro caratteristiche organolettiche, in grado di mettere in risalto le peculiarit delle singole variet di olive dalle quali sono estratti gli oli, differenze marcate inoltre dal terroir di Casamora e dalle condizioni metereologiche dell´annata.

Con questa fase si conclude "La Filiera di Produzione" degli oli della fattoria di Casamora che determina la loro "Tracciabilità": un lungo percorso che si effettua ogni anno con passione e competenza per produrre "Oli senza difetti".